Una campagna vaccinale con obiettivi precisi è indispensabile al conseguimento di tale fine. L’identificazione dei soggetti prioritariamente da vaccinare è altrettanto importante. Procedere speditamente con la campagna partendo dai soggetti più esposti per ragioni anagrafiche con la sola eccezione per le categorie professionali legate alla sanità e alla scuola – entrambi settori strategici – è la scelta non solo più giusta ma anche quella più efficace per la ripresa produttiva della nostra economia.